Tendinite del sovraspinoso

Tendinite-del-sovraspinoso

Tendinite del sovraspinoso: Cos’è?

La tendinite del sovraspinoso indica un’infiammazione di uno dei tendini della spalla e quindi della cuffia dei rotatori.

La cuffia dei rotatori della spalla e composta da 4 tendini quali: sovraspinoso, sottospinoso, sottoscapolare e piccolo rotondo.

La sua funzione è quella appunto di permettere i vari movimenti dell’articolazione scapolo-omerale.

Uno di tendini più soggetti ad usura e infiammazione è per l’appunto il tendine sovraspinoso.

Il muscolo sovraspinoso ha una duplice funzione ovvero muovere il braccio nei movimenti di abduzione e rotazione esterna.

La tendopatia del sovraspinoso è causata da un trauma, da un iperuso articolare come in caso di pesistica o dalla degenerazione dei tessuti.

Inoltre un danneggiamento del sovraspinoso avviene quando vi è una caduta sulla spalla o un movimento brusco indietro.

Come si diagnostica la tendinite del sovraspinoso o sovraspinato?

tendinite del sovraspinoso

La diagnosi di tendinite del sovraspinoso è di tipo clinico e strumentale.

L’Ortopedico eseguirà dei movimenti di abduzione con e senza resistenza. Verrà eseguito un test a 90 gradi di abduzione ove verrà chiesto al paziente di opporre resistenza contro la spinta in adduzione da parte dello specialista.

Altro test sarà quello di far sollevare il braccio al paziente chiedendo un’abduzione e se il dolore comparirà tra i 90 e i 110 gradi di movimento allora sicuramente vi sarà una problematica a carico del muscolo e del tendine.

Oltre ai test ortopedici il medico potrà richiedere un’esame ecografico, una radiografia e una risonanza magnetica con o senza mezzo di contrasto in base alla necessità e/o gravità della patologia.

Come si cura le Tendinite spalla del Sovraspinoso?

La tendinite del sovraspinoso o sovraspinato si cura sia da un punto di vista medico che fisioterapico.

Il medico prescriverà farmaci antinfiammatori Fans( Non steroidei) e/o infiltrazioni di Cortisone o Acido Ialuronico in base alla valutazione del dolore e della limitazione della mobilità articolare. Particolare attenzione va fatta per le infiltrazioni cortisoniche poichè potrebbero comportare danni a livello del tendine sovraspinato e cartilagineo.

Possono essere eseguiti applicazioni ed impacchi di arnica per alleviare dolore e infiammazione.

Tutore: quando usarlo?

Molto utile soprattutto nella prima fase, quella acuta, l’utilizzo di un tutore che consente di tenere a riposo la spalla favorendo la guarigione senza fare movimenti errati che possono peggiorare l’infiammazione.Il Fisioterapista invece eseguirà in un primo momento un trattamento che mira a risolvere l’infiammazione e il dolore tramite l’ausilio di apparecchiature elettromedicali avanzate.Gli strumenti più usati e con un alto indice di efficienza in questi casi risultano essere: onde d’urto ( terapia di elezione in caso di tendiniti con e senza calcificazione) , Laserterapia antalgica Yag (per un effetto antalgico-antinfiammatorio immediato) e la tecarterapia.

Migliorata la fase algica e infiammatoria si procederà a riabilitare l’arto colpito da infiammazione che risulterà avere limitazione, mancanza di elasticità e forza muscolare.

Esercizi utili risulteranno quelli di stretching appunto del muscolo e del tendine del sovraspinoso nonchè di tutti i muscoli della cuffia dei rotatori.Verranno proposti esercizi eccentrici per migliorare sia l’elasticità che la forza muscolo-tendinea.

Molto utile sarà il trattamento manuale che risolverà eventuali trigger point( muscoli contratti e attivi che danno dolore riferito) e migliorerà ulteriormente la mobilità articolare poichè il fisioterapista eseguirà tecniche specifiche su tutte le articolazioni della spalla e sulle varie articolazioni della scapolo-omerale.

Ecco alcuni esercizi per il Tendine del Sovraspinoso


Roberto Franzese

Massofisioterapista specializzato in terapia fisica strumentale, nel trattamento delle sindromi dolorose e in rieducazione posturale Mezieres. Iscritto all'Ordine Tsrm Na Ce Be Av Guarda il profilo completo    Seguici su Fb      Seguici su Instagram

Comments (2)

  • salve. mia figlia di 30 anni soffre con un dolore al petto ha fatto tanti controlli radiografie ecc e non e stato riscontrato niente ma il dolore persiste compare ogni tanto e dura parecchi giorni in questo caso prende tachipirina anche 3 volte al giorno non puo prendere altri antinfiammatori perche è allergica..non sappiamo come fare e nemmeno da cosa puo dipendere il medico ortopedico dice che è dovuto a degli allenamenti un po duri che ha fatto x un concorso nei vvf tra cui molte trazioni e che dovrebbe riprendere l attività lucia fisica…vorrei un suo parere grazie in anticipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ryakos Srl - P.Iva 08975061212 - Capitale Sociale 10.000,00 Euro
Sede Operativa Via Orsi 70, 80128 Napoli
Privacy Policy
Cookie Policy
Copyright ® 2010-2020 Ryakos Srl , Tutti i diritti sono riservati. Redesign by: Pixart Design - Testi: Ryakos Fisioterapia