L’infiammazione del Tendine Tibiale Posteriore

infiammazione del tibiale posteriore

Il muscolo tibiale posteriore è situato nella zona tra il ginocchio e la caviglia e continua con il tendine tibiale, che passa dietro il malleolo mediale e che si divide in fascio mediale e fascio laterale: il primo è più robusto e si inserisce nella tuberosità dell’osso navicolare, mentre il secondo è più debole e si fissa alle tre ossa cuneiformi.

Dunque, il tibiale posteriore è quel muscolo che origina dal nervo tibiale posteriore nella membrana intraossea, che si trova tra perone e tibia.

Questo muscolo partecipa alla flessione del piede e ai movimenti di adduzione, rotazione e torsione interna dello stesso.

Ad esso, si affianca il tendine tibiale posteriore, che lega il tibiale posteriore all’osso: questo si trova dietro il malleolo mediale e inizia nella parte profonda del polpaccio per inserirsi nella parte interna e inferiore dell’arco del piede.

Muscolo e tendine tibiale sono fondamentali per camminare o correre, in quanto controllano il movimento di pronazione, determinano la stabilità mediale del piede e mantengono la volta plantare, ossia quella curvatura presente sotto al piede, che si adatta al suolo di appoggio e permette di scaricare pesi e sollecitazioni.

Tendinite del tibiale posteriore

Patologie al piede

Il tendine tibiale posteriore infiammato, usurato o lacerato conduce a quella patologie nota come sindrome del tibiale posteriore.

La lacerazione del tendine può essere parziale o totale e comporta la perdita da parte della volta plantare del tendine che la sorregge: ciò causa un appiattimento del piede, che può avvenire in modo graduale o improvviso.

In caso di appiattimento della volta, vi è una dislocazione del calcagno all’esterno della gamba e una riduzione della flessibilità della caviglia, in quanto si verificano una contrattura dei muscoli della gamba e una perdita di forza.

Cause della sindrome del tibiale posteriore

Il tendine tibiale posteriore può risultare danneggiato o infiammato per una serie di cause, tra cui:

  • una caduta;
  • un sovraccarico funzionale;
  • un trauma distorsivo;
  • eventuali anormalità congenite ed acquisite, come artrite degenerativa o reumatoide, sindrome dello scafoide ecc.

D’altra parte, fattori di rischio sono sicuramente diabete, ipertensione e obesità e risultano ulteriormente esposti al rischio di tale patologia le donne, i soggetti sopra i 40 anni, le persone con piede piatto, gli atleti di sport quali tennis, corsa, basket e calcio, in cui vi sono frequenti traumi da impatto.

Sintomi della sindrome del tibiale posteriore

La sindrome del tibiale posteriore è una patologia evolutiva e si sviluppa in quattro stadi, ognuno con sintomi specifici:

  • stadio iniziale: si caratterizza per un dolore dietro il malleolo mediale avvertito sia durante l’esercizio fisico che dopo un lungo periodo in piedi; inoltre, vi sono gonfiore, che indica una lesione del tendine, e tumefazione lungo il tendine; in questa fase, il piattismo del piede è minimo;
  • secondo stadio: oltre al dolore, al gonfiore e alla tumefazione, si avverte difficoltà a stare sulla punta del piede e il piattismo si presenta in modo più accentuato;
  • terzo stadio: il soggetto non riesce a sollevarsi su un piede, il piattismo è molto evidente e l’articolazione del calcagno si irrigidisce;
  • quarto stadio: i sintomi delle fasi precedenti si presentano in modo più grave, al punto da causare una degenerazione dell’articolazione tibio-tarsica.

Trattamento e cura della sindrome del tibiale posteriore

distorsione-alla-caviglia

Il trattamento di questa sindrome varia in base ad una serie di fattori, che influiscono sul percorso di guarigione, quali:

  • la storia clinica del paziente;
  • la durata dei sintomi;
  • l’entità della patologia e lo stadio a cui si è arrivati.

Prima di tutto, si deve procedere ad uno scarico funzionale del tendine, attraverso il ricorso ad un tutore o ad un plantare per tendinite tibiale posteriore.

Inoltre, si utilizzano anche terapie fisiche, come tecar, termoterapia, correnti interferenziali o diadinamiche, ionoforesi, ultrasuoni e laser.

Questi trattamenti spesso vengono affiancati anche da massaggi e digitopressioni, esercizi di tipo propriocettivo e bendaggi kinesiologici o funzionali.

Come cura domiciliare, il soggetto può applicare il ghiaccio o eseguire esercizi di allungamento dei muscoli posteriori della gamba.

Nella maggior parte dei casi, non è necessario l’intervento chirurgico, il quale è riservato ai soli casi in cui la fisioterapia plantare e la terapia conservativa non abbiano prodotto gli effetti sperati.

Le moderne procedure chirurgiche sono poco invasive e si riducono ad una piccola incisione, con conseguente riduzione anche del periodo di convalescenza.

Tuttavia, se si tratta di una problematica più rilevante, quali artrosi o deformità, l’operazione diventa di tipo più invasivo, in quanto si devono inserire innesti ossei per correggere l’eccessiva pronazione.


Roberto Franzese

Massofisioterapista specializzato in terapia fisica strumentale, nel trattamento delle sindromi dolorose e in rieducazione posturale Mezieres. Iscritto all'Ordine TSRM delle Professioni Sanitarie Guarda il profilo completo    Seguici su Fb      Seguici su Instagram

Contatti

Telefono: 081.3419278

Via Orsi 70 - 80128 Napoli

[email protected]

Ryakos Srl - P.Iva 08975061212 - Capitale Sociale 10.000,00 Euro
Sede Operativa Via Orsi 70, 80128 Napoli
Copyright ® 2010-2021 Ryakos Srl  - Marchio Registrato Tutti i diritti sono riservati

Privacy Policy

Disclaimer: le informazioni contenute in questo sito hanno uno scopo puramente divulgativo e non intendono sostituire il parere del proprio medico curante o di un operatore sanitario specializzato. Le informazioni sul nostro portale sono a scopo informativo e Ryakos Srl non vuole sostituirsi alla normale visita di uno specialista. Ryakos Srl non detiene nessuna responsabilità, in quanto le informazioni hanno uno scopo divulgativo e la persona prima d’intraprendere qualsiasi percorso fisioterapico o d’attività fisica, deve consultarsi col proprio medico di fiducia.

Call Now Button