Intervista Dott. Defilippo Massimo

Intervista al Dott. Defilippo Massimo sulla Fisioterapia.

Dott Defilippo chi è lei e di cosa si occupa?

Buongiorno, sono Massimo Defilippo Fisioterapista con certificato di Osteopatia e lavoro a Fisioterapia Rubiera.

Innanzitutto ringrazio Roberto Franzese per avermi dato l’opportunità di fare questa intervista su un argomento che mi sta molto a cuore: la Fisioterapia.

Dott. De Filippo quando serve la fisioterapia?

fisioterapia ernia del disco

Nei gruppi di fisioterapisti ci confrontiamo e a volte alcuni riferiscono delle situazioni spiacevoli.

Per esempio, l’ortopedico che dice a un paziente operato che la fisioterapia non serve.

Noi rimaniamo senza parole perché sappiamo le conseguenze di una riabilitazione non fatta o fatta male.

Soprattutto nel post-operatorio in cui il paziente non sa bene quello che può fare, i movimenti consentiti e la forza che può usare.

Ora, a me piace sempre mettermi nei panni del paziente e con le mie competenze mi chiedo?

Dott. M. De Filippo, quando andare dal Fisioterapista?

Dobbiamo dividere i pazienti in due categorie:

  1. Quelli operati,
  2. Quelli non operati.

Partiamo dal paziente che ha subito un intervento chirurgico.

La prima distinzione da fare è:

Chi è il mio paziente?

Infatti, alcuni pazienti sedentari, che non hanno mai fatto sport o sono anziani, la fisioterapia è fondamentale.

Il fisioterapista controlla che gli esercizi siano eseguiti nel modo giusto e spiega al paziente cosa può fare in base alla fase della riabilitazione.

Alcuni atleti hanno bisogno di un punto di riferimento per imparare gli esercizi, ma non hanno bisogno di assistenza continua.

Ogni paziente operato necessita di fisioterapia?

riabilitazione

Per alcuni interventi, il fisioterapista è fondamentale perché serve il movimento passivo di alcune articolazioni, per esempio:

  1. La lesione della cuffia dei rotatori della spalla,
  2. La lesione del legamento crociato del ginocchio,
  3. Una frattura.

Mentre per altri interventi si può fare riabilitazione fai da te, per esempio in caso di intervento per la sindrome del tunnel carpale,

E i pazienti non operati?

Il fisioterapista lavora su prescrizione medica, quindi in base alla diagnosi del medico effettua le terapie più adatte.

Non sottolineerò mai abbastanza che il lavoro dovrebbe essere di squadra, cioè una collaborazione tra medici, fisioterapisti e altre figure sanitarie come per esempio il dietista.

In Italia si collabora meno che in altri stati, come per esempio gli Stati Uniti, ma spero che questa situazione cambi presto.

Il fisioterapista non può risolvere da solo tutte le situazioni, come il medico o gli altri, quindi serve un dialogo tra tutti.

Per rispondere alla domanda, io andrei dal fisioterapista se avessi un dolore da almeno 2-3 giorni che non migliora.

Il limite delle 48/72 ore è necessario perché questa è la durata dell’infiammazione acuta.

Passati 3 giorni, l’infiammazione acuta non dovrebbe più esserci, se è rimasta significa che è diventata sub-acuta o cronica.

Cioè qualcosa la sostiene.

Secondo gli studi scientifici, la terapia migliore per il mal di schiena e per altri disturbi è un programma di esercizi specifici.

Per altre infiammazioni, la terapia strumentale (Onde d’urto, magnetoterapia, tecarterapia, ecc.) è molto efficace.

Infine, le manipolazioni del fisioterapista o dell’osteopata sono ottime per i dolori muscolari e per sbloccare le articolazioni.

Meglio il fisioterapista o l’osteopata?

trattamenti osteopatici

Sono due lavori diversi con obiettivi diversi.

Per esempio, per l’esercizio terapeutico e per le terapie strumentali, bisogna andare dal fisioterapista.

Per la terapia manuale è indicata l’osteopatia, ma molti fisioterapisti si sono specializzati in terapia manuale e alcuni in osteopatia.

Attenzione, spesso gli osteopati non hanno una laurea in una professione sanitaria, quindi hanno fatto solo una scuola privata.

Diciamo che l’osteopata fa le manipolazioni articolari che il fisioterapista non fa.

Per il resto, la differenza non è così netta.

Tante tecniche che ho imparato alla scuola di osteopatia le insegnano anche ai corsi di aggiornamento per i fisioterapisti.

Qual è il futuro della fisioterapia?

La fisioterapia sta cambiando velocemente, è evoluta molto negli ultimi anni e vedo che tanti colleghi sono incuriositi e vogliono migliorare le loro tecniche per guarire i pazienti.

Questo è stato possibile grazie a internet che ha permesso di diffondere le conoscenze e scambiarsi le opinioni.

Un tempo c’erano solo alcuni siti internet, ma la vera rivoluzione è stata permessa da:

  1. Gruppi facebook,
  2. Video su youtube.

Tutti i giorni ci confrontiamo con i colleghi, riguardo ai casi clinici, ai corsi, ai libri e alle teorie.

Questo ha permesso a tutti di imparare, anche ai fisioterapisti con più esperienza.

Grazie ai siti internet e ai video su youtube stiamo cambiando il modo di vedere la riabilitazione e lo stiamo diffondendo alla popolazione.

Oggi, tante persone mi ringraziano perché spiego gratuitamente come funziona il corpo e cosa fare per guarire secondo la scienza.

Quindi tutto quello che dico è dimostrato da studi scientifici e dall’esperienza personale.

Torniamo alla fisioterapia:

Generalmente, il fisioterapista ha fatto questo lavoro perché sognava di guarire i pazienti con la terapia manuale.

Poi molti sono rimasti un po’ delusi quando hanno visto che nella realtà non è sufficiente.

Non dico che non sia efficace, ma per curare un paziente, bisogna sempre cercare la causa.

L’approccio fisioterapico è più orientato verso la terapia naturale rispetto ai farmaci.

Quindi, io e i miei colleghi siamo contenti se riusciamo a guarire un paziente con la terapia manuale, gli esercizi o le terapie strumentali.

Il futuro è sicuramente la ricerca della causa, non per prendere un farmaco, integratore o erba miracolosa, ma per aiutare il paziente a capire l’origine del problema per risolverla in modo attivo e non passivo.

Dr. Massimo Defilippo

Fisioterapista con certificato di osteopatia

Via Roma 18 – Rubiera (RE)


Roberto Franzese

Massofisioterapista specializzato in terapia fisica strumentale, nel trattamento delle sindromi dolorose e in rieducazione posturale Mezieres Guarda il profilo completo    Seguici su Fb      Seguici su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ryakos Srl - P.Iva 08975061212 - Capitale Sociale 10.000,00 Euro
Sede Operativa Via Orsi 70, 80128 Napoli
Privacy Policy
Cookie Policy
Copyright ® 2010-2020 Ryakos Srl , Tutti i diritti sono riservati. Redesign by: Pixart Design - Testi: Ryakos Fisioterapia