Dolori ai Piedi

Dolori-ai-piedi

Dolori ai piedi: tipologie, cause, cure, rimedi, fisioterapia

Le persone che soffrono di dolori ai piedi possono essere colpite da questo sintomo algico (lieve, grave o invalidante che sia) per le cause più disparate.

Rischiamo di essere ovvi (vogliamo correre questo rischio) ricordandovi che eseguire una diagnosi corretta ed accurata significa imboccare la strada giusta in direzione della terapia efficace e risolutiva (farmaci, fisioterapia, protocollo riabilitativo).

Le cause possono essere di natura muscolo-scheletrica, vascolare, neurologica o dermatologica.

In questa guida, il nostro focus si concentra su patologie e disturbi muscolo-scheletrici.

Valutare queste cause richiede una vasta conoscenza dell’anatomia e fisiologia del piede (una delle strutture più complesse del corpo), ma anche di caviglia, arti inferiori e parte inferiore della spina dorsale.

Esploriamo l’anatomia, scopriamo le aree colpite, le cause, le cure, i trattamenti di fisioterapia più adatti e la soluzione finale.

Dolori ai piedi: cenni di anatomia del piede

La parte terminale degli arti inferiori, il piede, è costituita da ben 26 ossa (7 tarsali che sorreggono il peso corporeo favorendo la locomozione, 5 metatarsali che assicurano stabilità in posizione eretta e 14 falangi che formano lo scheletro delle dita fornendo un supporto stabile in fase di movimento).

Queste ossa, che formano archi per dare flessibilità al piede, sono sostenute da muscoli, tendini, legamenti, fasce fibrose (retinacoli) che mantengono in posizione i tendini.

Sono tre le principali parti che compongono il piede:

  • Avampiede, che include falangi e metatarsi;
  • Mesopiede, che comprende l’osso cuboideo, 3 cuneiformi e lo scafoide-tarsale;
  • Retropiede, con calcagno ed astragalo.

Il movimento del piede coinvolge articolazioni che lo collegano col resto del corpo ovvero l’articolazione della caviglia (tibio-astragalica, astragalo-calcaneare, astragalo-navicolare) e del calcagno con l’osso cuboide.

Video Anatomia del Piede

Dolori ai piedi: cause in base alle aree colpite

Sono davvero numerose le cause di dolore ai piedi. Abbiamo deciso di suddividere le varie cause legate a determinate patologie associandole alle parti del piede interessate al dolore.

I dolori ai piedi possono essere localizzati:

  • Dietro il tallone;
  • Sotto il tallone;
  • dolore arco plantare;
  • dolore alle dita dei piedi;
  • dolore sotto i piedi.

Dolori ai piedi dietro il tallone: morbo di Haglund

Il tendine d’Achille può subire una trazione vigorosa sul calcagno per vari motivi fino a causare microlesioni entesiche (nel punto di collegamento tra tendine ed osso) che l’organismo ‘ripara’ tramite apposizione di calcio.

Il Morbo di Haglund consiste proprio nella formazione di questa calcificazione ossea nel tallone da individuare tramite lastra Rx.

Per questo tipo di problema, bisogna intervenire tempestivamente ricorrendo a specifici trattamenti fisioterapici come la Laserterapia, Onde d’urto, terapie manuali, esercizi di stretching del polpaccio.

Dolore ai piedi sotto al tallone (spina calcaneare, tallonite)

onde d'urto spina calcaneare

La formazione di una esostosi sotto al calcagno (tallone) dove si inserisce la fascia plantare è responsabile della tallonite o spina calcaneare che provoca dolore sotto al tallone.

Questo tipo di dolore è condizionante, si avverte in particolare al risveglio, fa camminare male fino a provocare, a causa della cattiva postura, dolori al ginocchio, caviglia, anca, colonna vertebrale.

Le Onde d’urto sono il trattamento fisioterapico più efficace e risolutivo a cui abbinare il trattamento della fascia plantare, della muscolatura del polpaccio e la rieducazione totale della postura.

Dolore ai piedi, sotto l’arco plantare (fascite plantare)

fascite plantare

La fascite plantare è un problema frequente, tra i vari tipi di dolori al piede, e può risultare anche abbastanza invalidante. La fascia plantare è una struttura a forma di cordone fibroso che parte dal calcagno per arrivare alle dita.

La fascite è prossimale se coinvolge la zona prossima al calcagno, distale se il dolore interessa la zona sotto l’arco del piede.

Il dolore viene avvertito durante il movimento di rotolamento del piede mentre si cammina perché, in quella fase, la fascia viene stirata.

La principale causa della fascite plantare è una cattiva condizione posturale ma i responsabili possono anche essere gli sport ripetitivi, scarpe sbagliate, sovrappeso.

Può, sicuramente, aiutare l’utilizzo di solette Noene shock absorbing in grado di scaricare le vibrazioni negative del suolo.

Risultano spesso necessari trattamenti fisioterapici come Laser Yag ad Alta Potenza, Onde d’urto, stretching della fascia plantare, massaggi specifici.

Dolori alle dita dei piedi (alluce valgo)

Alluce valgo

Tra i vari dolori alle dita dei piedi, il più frequente è quello che interessa l’alluce valgo caratterizzato da una deformazione del primo raggio, deviazione all’esterno del primo dito e all’interno del primo metatarso con conseguente angolazione patologica. L’alluce e il primo metatarso non risultano più allineati ma formano un angolo di valgismo.

Ci vogliono anni per formare questa deformità, ecco perché si consiglia di intervenire in tempo per evitare l’intervento chirurgico.

Per intervenire efficacemente, è necessario ricorrere ad una rieducazione posturale che ripristini un corretto appoggio del piede tramite il metodo Mezieres ed usare un distanziatore.

I trattamenti fisioterapici come Laser ad Alta Potenza o Ultrasuoni non si dimostrano risolutivi quando l’alluce valgo è in stato avanzato.

Dolore sotto le dita dei piedi (metatarsalgia)

terapia neuroma

Nel punto in cui le ossa delle dita si collegano al massiccio del retropiede, l’articolazione metatarso-falangea può infiammarsi e generare la metatarsalgia a causa di vari fattori (postura scorretta, utilizzo di scarpe sbagliate, sovrappeso, età che avanza) per via del carico subito anteriormente.

Ad ogni passo e movimento dell’articolazione, si proverà dolore.

Anche il neuroma di Morton (di origine neuro-vascolare) potrebbe causare questo tipo di dolore: per scoprirlo bisognerà eseguire una diagnosi differenziale.

Per ridurre il dolore, si possono usare solette specifiche per i metatarsi, plantari su misura, particolari bendaggi o si può ricorrere a trattamenti di Laserterapia, Ultrasuoni, massaggi.

Se a generare il problema è una cattiva postura niente è più efficace della Rieducazione Posturale Totale Mezieres.

Male ai piedi: altre cause

Altre possibili cause non menzionate in precedenza sono:

  • Artrite
  • Artrite reumatoide
  • Artrosi
  • Borsite
  • Dito a martello
  • Diabete, piede diabetico
  • Piede cavo
  • Piede piatto
  • Tendinite del tibiale posteriore
  • Edema (accumulo di liquido che provoca gonfiore e dolore)
  • Distorsioni e stiramenti
  • Mal allineamento della caviglia
  • Osso incrinato o rotto (frattura)
  • Embolia
  • Neuropatia diabetica
  • Cisti sinoviali (sintomi Gangli)
  • Sindrome di Marfan
  • Trombosi venosa profonda
  • Insufficienza arteriosa
  • Aterosclerosi
  • Sindrome del tunnel tarsale
  • Gotta (una forma di artrite).

Dolori ai piedi: diagnosi

Per diagnosticare le principali forme di dolori ai piedi originate da problemi muscolo-scheletrici, oltre all’esame obiettivo, all’anamnesi ed a vari test strumentali con cui il medico valuta l’integrità dell’apparato capsulo-legamentoso, è necessario eseguire la lastra Rx (per evidenziare eventuali fratture e controllare l’anatomia osteo-articolare).

In seguito, si potrà ricorrere ad altre diagnosi di immagine come ecografia e risonanza magnetica, per confermare un sospetto o un dubbio diagnostico.

Dolori ai piedi: cure e rimedi

Considerando la varietà di cause scatenanti il dolore ai piedi, il medico prescriverà una terapia specifica. In tutti i casi, è fondamentale evitare ogni tipo di stress o sovraccarico al piede e tenerlo a riposo.

Le donne smetteranno di usare scarpe con il tacco, chi era abituato ad allenarsi sospenderà l’attività sportiva.

In caso di fascite plantare, il soggetto colpito userà calzature particolari, plantari o solette antishock, eviterà di camminare a lungo o di stare troppo in piedi.

Nella fase acuta, quando il dolore è intenso, farmaci antidolorifici o antinfiammatori serviranno ad alleviare il dolore riducendo l’infiammazione. Nei casi di dolore più severo o cronico, il medico può prescrivere infiltrazioni di cortisone.

Talvolta, per il neuroma di Morton non basta la terapia farmacologica: è necessario l’intervento chirurgico per asportare il nervo compromesso.

In gran parte dei casi, il percorso fisioterapico risulta inevitabile.

Dolori ai piedi: trattamenti di fisioterapia mirata

L’obiettivo dei trattamenti fisioterapici appropriati per trattare i dolori ai piedi punta a ridurre l’infiammazione, il dolore e lo stress tendineo, a recuperare la forza perduta.

Per intervenire su infiammazione e dolore e riconsegnare al piede mobilità e flessibilità, si procede con i seguenti trattamenti fisioterapici:

  • Tecarterapia;
  • Ultrasuoni;
  • Onde d’urto;
  • Terapia manuale eseguita dall’Osteopata;
  • Laser Yag ad Alta Potenza.

E’ bene non focalizzarsi solo sul piede ma esaminare tutta la gamba per individuare problematiche di postura che portano al sovraccarico su uno o più distretti causando dolore ai piedi.

Dopo aver superato la fase critica del dolore e dell’infiammazione, occorrerà puntare su un secondo obiettivo, da non considerare importante ma fondamentale: l’esame posturale globale.

Molti disturbi e patologie nascono da cattive posture, inclusi i dolori ai piedi.

L’esame Baropodometrico computerizzato verifica la condizione generale e va ad individuare eventuali aree di malfunzionamento posturale. Serve a prevenire conseguenze legate proprio ad una postura scorretta.

La Rieducazione Posturale Totale con il metodo Mezieres (il migliore per correggere la postura) permette di riequilibrare la parte coinvolta dal problema posturale ma anche tutta la colonna vertebrale.

E’ un percorso personalizzato da cui si ottengono ottimi risultati.

Mentre si corregge la postura, proseguirà il piano riabilitativo specifico per ridurre la tensione muscolare del polpaccio, tendine d’Achille e fascia plantare allo scopo di risolvere definitivamente i dolori ai piedi.

Prenota una Visita Gratuita allo 0813419278


Roberto Franzese

Massofisioterapista specializzato in terapia fisica strumentale, nel trattamento delle sindromi dolorose e in rieducazione posturale Mezieres. Iscritto all'Ordine TSRM delle Professioni Sanitarie Guarda il profilo completo    Seguici su Fb      Seguici su Instagram

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ryakos Srl - P.Iva 08975061212 - Capitale Sociale 10.000,00 Euro
Sede Operativa Via Orsi 70, 80128 Napoli
Privacy Policy
Cookie Policy
Copyright ® 2010-2020 Ryakos Srl , Tutti i diritti sono riservati. Redesign by: Pixart Design - Testi: Ryakos Fisioterapia