Condropatia femoro tibiale: sintomi e cura

La condropatia femoro tibiale è una patologia che coinvolge la cartilagine presente tra le superfici articolari di femore e tibia: questa tende ad usurarsi rapidamente sotto carico.

Si tratta di una sindrome che ha un’incidenza maggiore nei soggetti sportivi e in coloro che svolgono determinate attività professionali, ma anche nei soggetti sedentari o sovrappeso.

In sostanza, questa si verifica quando vi siano situazioni ripetute nel tempo che comportano un sovraccarico funzionale dell’articolazione del ginocchio.

La condropatia può essere di due tipi: condropatia femoro rotulea e femoro tibiale, a seconda che intacchi la rotula o femore e tibia.

Inoltre, la condropatia può avere origine traumatica, infiammatoria o degenerativa: in quest’ultimo caso si parla di condropatia degenerativa femoro tibiale.

Condropatia femoro tibiale sintomi

La condropatia femoro tibiale presenta alcuni sintomi specifici, quali:

  • dolore localizzato;
  • suono simile ad uno scricchiolio durante il movimento di flessione ed estensione del ginocchio;
  • necessità di raddrizzare la gamba.

In alcuni casi, il dolore non è localizzabile in modo preciso, mentre in altri viene percepito sul bordo interno della rotula sia a riposo che sotto sforzo.

La diagnosi è prima di tutto clinica e punta ad accertare la presenza dei sintomi tipici.

In seguito, si procede con l’ausilio della diagnostica per immagini, eseguendo radiografia e risonanza magnetica in modo da individuare l’entità del problema.

I gradi di gravità della condropatia sono quattro e arrivano fino alla condropatia femoro tibiale di 4 grado, in cui si verificano la perdita della componente cartilaginea e l’esposizione dell’osso.

I quattro gradi di gravità della condropatia sono:

  • grado 1: cartilagine leggermente danneggiata;
  • grado 2: crepe nella cartilagine e usura più accentuata;
  • grado 3: usura e assottigliamenti importanti;
  • grado 4: grave usura, con presenza di zone in cui la cartilagine è del tutto deteriorata, associata a gonartrosi.

Condropatia femoro tibiale cure

La scelta della terapia a cui affidarsi per il trattamento della condropatia dipende dalla gravità della patologia e dal tipo di usura presente.

Il primo passo è il riposo e ad esso si consiglia di abbinare un bendaggio, l’assunzione di farmaci antinfiammatori, le infiltrazioni di acido ialuronico e, ovviamente, la fisioterapia.

Inoltre, è opportuno porsi una serie di obiettivi, che favoriranno la riduzione della sintomatologia, quali:

  • la perdita di peso, in modo da ridurre il carico sull’articolazione del ginocchio;
  • il potenziamento muscolare del vasto mediale;
  • il regolare esercizio fisico, praticando attività che non gravino eccessivamente sull’articolazione, come nuoto o bicicletta.

In genere, il trattamento della condropatia femoro tibiale dipende dal grado di gravità raggiunto dalla patologia e dal pregiudizio subito dall’articolazione.

Condropatia femoro tibiale intervento

Se la combinazione delle soluzioni precedentemente indicate non è sufficiente ad alleviare il dolore, allora sarà necessario ricorrere al trattamento chirurgico.

Per rimuovere il tessuto danneggiato e infiammato si procede ad un intervento artroscopico, quindi poco invasivo, che permette di stabilizzare il difetto della cartilagine in via chirurgica.

La procedura chirurgica aperta include anche l’osteotomia, ossia il taglio dell’osso, e può rivelarsi necessaria in presenza di deformità più gravi, in quanto permette di raddrizzare l’arto inferiore.

L’intervento mira a lavorare su una sezione del legamento esterno attraverso sutura della capsula mediale.

Nel caso in cui vi sia osteonecrosi del ginocchio limitata al condilo femorale, si può ricorrere a trattamenti specifici, quali la mosaicoplastica, il lipogems, o ad un intervento di innesto di una protesi.

Condropatia femoro tibiale esercizi

Il recupero post operatorio avviene in modo graduale.

Se si è avuta solo un’artroscopia, allora il recupero avverrà in un periodo che varia dai 3 ai 4 mesi; nel caso di arstroscopia con osteotomia, invece, sarà necessario ricorrere alle stampelle per circa un mese, mentre per il recupero completo si dovranno attendere circa 6 mesi.

Per favorire il processo di guarigione, è importante affidarsi ad un protocollo riabilitativo specifico, che preveda una serie di esercizi specifici indicati dal fisioterapista.

Di solito, come momento migliore per svolgere gli esercizi è consigliata la mattina appena svegli, quando si è riposati e ci si può impegnare al meglio nella corretta esecuzione del movimento.


Roberto Franzese

Massofisioterapista specializzato in terapia fisica strumentale, nel trattamento delle sindromi dolorose e in rieducazione posturale Mezieres. Iscritto all'Ordine TSRM delle Professioni Sanitarie Guarda il profilo completo    Seguici su Fb      Seguici su Instagram

Contatti

Telefono: 081.3419278

Via Orsi 70 - 80128 Napoli

[email protected]

Ryakos Srl - P.Iva 08975061212 - Capitale Sociale 10.000,00 Euro
Sede Operativa Via Orsi 70, 80128 Napoli
Copyright ® 2010-2021 Ryakos Srl  - Marchio Registrato Tutti i diritti sono riservati

Privacy Policy

Disclaimer: le informazioni contenute in questo sito hanno uno scopo puramente divulgativo e non intendono sostituire il parere del proprio medico curante o di un operatore sanitario specializzato. Le informazioni sul nostro portale sono a scopo informativo e Ryakos Srl non vuole sostituirsi alla normale visita di uno specialista. Ryakos Srl non detiene nessuna responsabilità, in quanto le informazioni hanno uno scopo divulgativo e la persona prima d’intraprendere qualsiasi percorso fisioterapico o d’attività fisica, deve consultarsi col proprio medico di fiducia.

Call Now Button